Consigli pratici su come spostarsi agilmente, o quasi, in Togo

Apr 19, 2020 | Africa, Togo, Viaggi

Se sei alle prese con la fase di studio di un ipotetico itinerario di viaggio, ti starai probabilmente chiedendo come muoverti all’interno del Paese. Se è così, mettiti comodo e dai un occhiata ai miei consigli pratici su come spostarsi agilmente (parola grossa), o quasi, in Togo. Ti saranno senz’altro di aiuto per gestire al meglio il tuo tempo a disposizione, un bene prezioso che in questo Paese non puoi permetterti di sprecare invano.

D’altronde, osservandolo attentamente, fatte salve le principali arterie di comunicazione che collegano le città, il Paese vanta innumerevoli strade sterrate e lunghi tratti asfaltati sottoposti a drastiche e reiterate manutenzioni che non agevolano, in alcun modo, gli spostamenti. I mezzi di trasporto, poi, per quanto siano affidabili e tutto sommato economici, sono lenti e fin troppo trasandati. Forza e coraggio, questo è ciò che offre il settore dei trasporti in Togo: salta su e mettiti in marcia!

COME SPOSTARSI IN CITTà: la moto-taxi

Se alloggi in città o in un piccolo centro abitato e desideri spostarti nel raggio di alcune centinaia di metri o di alcuni chilometri per fare la spesa al mercato o in qualche negozio del quartiere, non puoi esimerti dal salire sulla scomoda sella di una moto-taxi (taxi-moto in francese), un trabiccolo a due ruote che in casi come questo fa decisamente al caso tuo. Dopotutto, camminare sotto il sole cocente non è per niente piacevole, te lo assicuro!

I conducenti, spesso giovani ragazzi alle dipendenze di uno sfruttatore, si annunciano con il suono ripetuto del clacson accompagnato dall’inconfondibile grido: “Taxi, taxi”. Non dimenticarti che sei yovo, una persona dalla carnagione bianca e di conseguenza la tariffa che ti può essere richiesta per un passaggio, anche breve, aumenta automaticamente.

Onde evitare litigi o inutili battibecchi che potrebbero facilmente innervosirti, è sempre opportuno contrattare il prezzo prima di partire (200/300 cfa a persona). Se all’inizio ti risulterà fastidioso farlo, a lungo andare, una volta che avrai compreso l’antifona, vedrai che questa pratica diventerà un divertente passatempo. Ah, quasi mi dimenticavo di dirti che in Togo, il casco, come la cintura, è considerato un optional.

Sappi che rimanere a piedi con una moto-taxi non è una consuetudine ma può accadere. Il serbatoio della benzina potrebbe essere a corto di carburante o le candele aver bisogno di una ripulita. E’ sufficiente che tu scenda e salga su un’altra. Non farti venire l’ansia, trovi una moto-taxi in ogni angolo di strada.

consigli-pratici-su-come-spostarsi-agilmente-o-quasi-in-togo
Le moto-taxi per le strade di Lomé – PhotoCredits @Africanway

COME SPOSTARSI A corto e a lungo raggio: IL TAXI E IL TAXI BROUSSE

Il taxi e il taxi brousse sono veicoli adibiti al trasporto di più persone e rappresentano due valide alternative alla moto-taxi. Mentre il primo viene solitamente utilizzato per gli spostamenti a corto raggio (come ad esempio in città) e prevede un costo di 200/300 cfa a persona per il servizio offerto (più o meno la stessa cifra richiesta per un passaggio sulla moto taxi), il secondo è invece impiegato per gli spostamenti a medio e lungo raggio e ha un prezzo fisso, stabilito in base alla destinazione che si desidera raggiungere.

Se hai quindi intenzione di effettuare lunghi spostamenti, non devi far altro che dirigerti alla gare-routière, una sorta di autostazione presente in tutte le città che funge da capolinea per i mezzi adibiti al trasporto di passeggeri provenienti da strade urbane ed extraurbane e individuare l’area di sosta del taxi-brousse, una sorta di minivan da nove, dodici o quindici posti. Dopodichè è sufficiente che chiedi in giro qual’è il taxi brousse che parte in direzione della destinazione prescelta e consegni i bagagli ingombranti (sempre che tu ne abbia) al conducente del mezzo, pagando, per gli stessi, un sovrapprezzo. Stai tranquillo, penserà lui stesso a metterli in sicurezza, legandoli con dei grossi ganci elastici al portabagagli fissato sul tettuccio del veicolo.

Sia il taxi che il taxi-brousse, ricordalo, sono vetture sprovviste di tassametro guidate da pseudo-tassisti privi di regolare licenza, talvolta i proprietari stessi del mezzo. L’appellativo “taxi”, in Togo, non è del tutto appropriato, almeno per come lo intendiamo noi.

Per fare cassa, infatti, i tassisti si ritrovano costretti a stiparli ben oltre il limite consentito con chiunque abbia bisogno di un passaggio. Quando sali a bordo, di uno o dell’altro, fai dunque attenzione a dove appoggi le natiche, perché potresti inavvertitamente trovarti seduto sulla leva del cambio!

consigli-pratici-su-come-spostarsi-agilmente-o-quasi-in-togo
Il taxi-brousse – PhotoCredits @Gilles_Paire

 Consigli pratici su dove NOLEGGIARE UN AUTO in TOGO

Se desideri invece noleggiare un auto, il nuovo Aeroporto Internazionale Gnassingbé – Eyadéma di Lomè, inaugurato nel 2016, è certamente il luogo più adatto (oserei dire l’unico) dove poterlo fare. Ma ahimè, solo in teoria, in quanto le più rinomate compagnie di autonoleggio come la Europcar o la Hertz, si trovano dislocate nei dintorni dell’aeroporto. 

Ad ogni modo, utilizzando i motori di ricerca presenti in internet hai la possibilità di verificare quali sono le compagnie di autonoleggio che operano in Togo (ce ne sono altre oltre a quelle sopra citate), scegliere il veicolo che più si adatta ai tuoi gusti ed effettuare la prenotazione online. In aeroporto, un incaricato ti attenderà per consegnarti la vettura. In ogni caso, indipendentemente dal modello di veicolo scelto e dal tipo di assicurazione stipulata (meglio effettuare una copertura totale anche se spendi di più), tutte le compagnie offrono soluzioni in grado di soddisfare ogni tua esigenza.

In Togo, devo ammetterlo, non ho mai imbracciato un volante, neanche per scherzo. In qualità di passeggero però, ne ho viste delle belle. Il modo di guidare dei togolesi è scriteriato e il rischio di essere coinvolti in incidenti con persone in possesso di un veicolo non coperto da un’assicurazione o prive di patente è una probabilità da non sottovalutare. Con questo non voglio scoraggiarti, ma è bene che tu sappia come comportarti.

Quindi, con la speranza di non averti affatto spaventato, nel caso in cui non te la sentissi proprio di guidare puoi optare per il noleggio di un auto con conducente, sia esso un comune tassista o un qualsivoglia personaggio incontrato per caso, con il quale, dopo aver accuratamente concordato la tariffa abbinata ad ogni tuo singolo spostamento, sarai servito, riverito e felice, come si suol dire, come un pascià.

La patente italiana, se tradotta in francese, viene solitamente accettata. Nel dubbio, è meglio che tu provveda a fare richiesta della patente di guida internazionale almeno un mese prima della partenza c/o gli uffici della motorizzazione o quelli dell’ACI e riservarti, in seguito, il diritto di decidere su come procedere. Arrivato a questo punto, mi auguro che i miei consigli pratici su come spostarsi in Togo ti siano stati di grande aiuto.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About me

Mi chiamo Simone Gentilini e sono un bolognese DOC nato nel novembre del 1974. Il 4 per essere precisi, la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze armate, quella che un tempo era una festa sentita ma oggi un giorno qualsiasi presente sul calendario.
Nella vita svolgo un fricandò di attività che, seppur con qualche affanno di troppo, mi consentono di vivere la mia vita in maniera dignitosa.
Sono un operatore socio sanitario, un insegnante di lingue straniere e un accompagnatore turistico.

Dai social…

Iscriviti alla mia newsletter

Privacy

Ti sei iscritto con successo! Grazie e a presto

Share This